Mentre Gesù si recava in Galilea giunse al pozzo di Giacobbe in Samaria dove si fermò per riposare dal suo viaggio. Quando i suoi discepoli andarono a comprare del cibo, una donna Samaritana venne al pozzo a prendere dell’acqua e Gesù le fece una semplice richiesta: Dammi da bere  (Giovanni 4:7).

Queste parole di Gesù alla donna diedero inizio ad una lunga conversazione e durante il loro cammino lei fu meravigliata per le cose che sentì dire.  Alla fine lei disse: “«Io so che il Messia (che è chiamato Cristo) deve venire; quando sarà venuto ci annuncerà ogni cosa». Gesù le disse: «Sono io, io che ti parlo!» (Giovanni 4:25-26).

I discepoli tornarono e si meravigliarono nel trovare il Maestro così preso in una profonda conversazione con questa Samaritana. Si apprestarono a preparare il cibo e quando tutto era pronto, la donna tornò verso la città. I discepoli dissero a Gesù: “Rabbì, mangia” (4:31), e Gesù rispose con questa frase sconvolgente: “Io ho un cibo da mangiare che voi non conoscete” (4:32).

Gesù stava dicendo loro che era stato sfamato da cibo che non era di questo mondo e che era completamente sazio. Egli spiegò: “Il mio cibo è fare la volontà di colui che mi ha mandato, e compiere l’opera sua” (4:34). Allo stesso modo, dobbiamo fare noi, testimoniando del regno di Dio, parlando di lui e vincere anime per Dio. Gesù compì quest’opera con la donna Samaritana, che come dice la Bibbia, credette che egli era il Messia. Infatti disse ai suoi amici: “Venite a vedere un uomo che mi ha detto tutto quello che ho fatto; non potrebbe essere lui il Cristo?” (4:29).

Il bisogno di Cristo di parlare di Dio venne soddisfatto nel momento in cui parlò a questa donna. Gesù disse: “Tutto ciò che ho chiesto è stato di bere dell’acqua ma lei mi ha portato un cuore onesto e desideroso. Questo tipo di comunione è cibo per me”.

Gesù vuole trascorrere del tempo di qualità con te giornalmente. Ogni volta che lo aspetti, egli promette di parlarti, dunque aspetta alla sua presenza finché non udrai la sua voce ed aprirà il suo cuore a te.