Crea sito

La Parola

Fermati e considera le meraviglie di Dio !

Page 2 of 3

La parola del giorno

“Confida nell’Eterno con tutto il tuo cuore e non appoggiarti sul tuo intendimento; riconoscilo in tutte le tue vie, ed Egli raddrizzerà i tuoi sentieri”. Proverbi 3:5-6

Se siamo nati di nuovo dobbiamo crescere continuando a confidare nell’Eterno con tutto il nostro cuore, sicuri di essere protetti dal nostro Signore. Come nuove creature siamo diventati figli di Dio; attraverso Gesu’ abbiamo ricevuto un’elezione divina. Nelle nostre difficoltà Egli continuerà ad aiutarci e a raddrizzare i nostri sentieri, perché Egli vede cio’ che noi non vediamo e fa quello che noi non possiamo.

Jésus et sa confiance

Adam s’est méfié de Dieu et, à sa suite, l’humanité a perdu confiance dans son Créateur. Le monde s’est organisé sans Dieu, la méfiance et la révolte envers lui font partie de l’atmosphère ambiante. Le péché règne avec ses conséquences, et l’homme en accuse Dieu…

C’est dans ce monde que Jèsus est venu et qu’il a vécu, comme un homme entièrement confiant en Dieu :

  • Dieu est son Dieu dès le ventre de sa mère. Il veille aussi sur lui au moment de sa naissance. Au cours de son enfance, c’est toujours en Dieu que Jésus se confie.
  • En pleine tempête, il dort au fond d’une barque (Marc 4:38). Il peut dire : “Moi, je me confierai en lui” (Hébreux 2:13).
  • Avant de ressusciter son ami Lazare, il dit à Dieu son Père, plein de confiance en lui : “Je savais que tu m’entends toujours” (Jean 11:42).
  • Il s’est toujours remis à la sagesse de son Père : “Oui, Père, car c’est ce que tu as trouvé bon devant toi” (Matthieu 11:26).
  • Alors qu’il est cloué sur la croix, que ses ennemis se moquent de lui, que son Dieu l’abandone (Matthieu 27.46), sa confiance  demeure (Proverbes 14:32).
  • Enfin, au moment d’expirer, c’est aux soins de son Père qu’il remet son esprit (Luc 23:46). Il a la confiance que Dieu veillera sur lui et ne l’abandonnera pas à la mort (Psaume 16:9-10).

Et sa confiance n’est pas déçue. Son Père le ressuscite et le fait asseoir à sa droite.

El precio de la expiación

El Salmo 22 empieza con una pregunta que llama nuestra atención : “Dios mío, Dios mío, por qué me has desamparado ?”. Quien hace esta pregunta considera a Dios como su Dios.

Quién es ? Es David, el autor del salmo ? No, pues si leemos su historia en los libros de Samuel, lo vemos atravesar grandes pruebas, cometer graves faltas, pero nunca desamparado por Dios. Hablará de otro hombre fiel de su época, que habría conocido el desamparo de Dios ? No lo

hallamos. David mismo dice : “Joven fui, y he envejecido, y no he visto justo desamparado” (Salmo 37:25).

En Mateo 27:46 hallamos la respuesta a nuestra pregunta : el único Justo desamparado por Dios fue Jesús. Y lo fue en el momento en que estaba en la más profunda angustia, clavado en una cruz, cuando estaba glorificando a su Dios  de la manera más excelente. Qué misterio insondable ! Por qué Dios abandonó a su Hijo ? Porque cargaba con todos nuestros pecados, siendo hecho pecado por nosotros. Toda nuestra culpa cayó sobre él, y Dios nos juzgó en la persona del Señor Jesús, quien llevó, en nuestro lugar, el juicio que merecíamos. Dios quería salvarnos, y para ello su justicia y su santidad exigían tal sacrificio. Cristo murió por nosotros.

“Todos nosotros nos descarriamos como ovejas… mas el Señor cargó en Jesucristo el pecado de todos nosotros. Angustiado él, y afligido, no abrió su boca; como cordero fue llevado al matadero; y como oveja delante de sus trasquiladores, enmudeció, y no abrió su boca” (Isaías 53:6-7).

El lugar donde Dios habita

Solo de Dios se puede decir que es Alto y Sublime. Su grandeza sobrepasa lo infinito del cielo. Dios habita la eternidad : esta expresión es insondable para los seres humanos, quienes estamos de paso por esta tierra, como llevados por el tiempo. Qué magnífica dignidad para el Señor vivir en la eternidad ! Su nombre es el Santo : en la pureza perfecta, es ajeno a todo mal y está por encima de todo, es el Dios bendito (1 Timoteo 1:11).

En qué lugar habita un Dios así ? Vive en la altura y la santidad, por encima de la concepciones humanas, en un lugar santo, separado de todo mal.

Qué impacto tienen estas declaraciones en nosotros, que por nosotros mismos somos indignos de entrar en su presencia ! Sin embargo, Dios no se detiene ahí. Cosa sorprendente, él habla de morar con el quebrantado y humilde de espiritu ! Si, así es nuestro Dios.

  Pero el cristiano pronto tendrá el privilegio de estar con él en su casa, la casa de mi Padre, dijo el Señor Jesús (Juan 14:2).

El que es humilde de espíritu sabe que es indigno de la gloria infinita del Señor, pero qué gozo cuando está en su presencia ! Sí, Dios vive realmente con nosotros los creyentes, para hacer vivir el espíritu de los humildes, y para vivificar el corazón de los quebrantados.

La gracia se ha manifestado

Cómo una noción abstracta, como la gracia, pudo manifestarse ?

Dios nos reveló su gracia mediante su Hijo, enviado a la tierra entre los hombres. El Hijo de Dios, Jesucristo, tomó forma humana y hizo visibles los caracteres esenciales de Dios : “la gracia y la verdad vinieron por medio de Jesucristo” (Juan 1:17). Todos los que abrían los ojos y prestaban atencíon podían conocer la gracia de Dios mediante las palabras y los hechos del Señor.

A través de la predicación del Evangelio, la buena nueva, la gracia también se manifestó como un mensaje nuevo que ofrece la libertad a todo hombre culpable. Este mensaje no afirma que Dios pase por alto ciertas cosas, o que no mire de cerca todo lo que tenga que ver con el pecado. Esto no sería la gracia divina, que es inseparable de la verdad. No, en el Evangelio la justicia de Dios también fue revelada: la justicia mediante la fe, la justicia que justifica en vez de condenar, porque los culpables saben que Alguien sufrió en su lugar el castigo que ellos merecían (Romanos 3:22-26). Esta es la fe en Jesucristo, quien murió en la cruz por nuestros pecados.

La gracia que trae la salvación es ofrecida a todos los hombres, sin excepción. Todos son invitados a apropiarse de ella. No es un derecho, sino un don gratuito de parte de Dios. Le costó muy caro, pues lo pagó con la vida de su Hijo unigénito. Esta gracia de Dios, se ha manifestado en su vida ?

“Se ha manifestado… la justicia de Dios por medio de la fe en Jesucristo, para todos los que creen en él. Porque no hay diferencia, por cuanto todos pecaron” (Romanos 3:21-23).

Tu sei scelto – 1 Pietro 2:9

La vita è un viaggio dove attraversiamo deserti e oasi, montagne e pianure. A volte ti chiederai “perchè è così?” o ” perchè sta andando così? Chi sono e perchè? è tutto questo inutile o è la mia vita un incidente?” 
Non sei nato per caso. Non è per caso che tu hai questo colore di capelli o la forma del tuo naso. Dio ti conosceva prima di creare l’universo. Lo sai che se anche tu fossi l’unica persona in tutto l’universo Lui avrebbe comunque mandato Gesù a morire per i tuoi peccati? Per te solo. Tu sei scelto. Ancora prima che tu nascessi, Dio ha scritto la storia della tua vita, piena di incredibili avventure, gratificante, da togliere il fiato. Puoi immaginare che Dio stesso ha attentamente pensato alla tua vita, che sarebbe stata grandiosa? Prima di tutto se stai ancora pensando che la tua vita sia uno sbaglio o un caso, sappi che non è vero. Sei stato scelto tra centinaia di migliaia di persone per il tuo speciale scopo. Egli ha un piano unico per te e una destinazione! Hai un grande futuro  con Gesù.

 

Gesù guarisce un paralitico – Marco 2:1-5

Il Signore è il Dio dei miracoli e vuole farli ! Questo paralitico era già preparato per portarlo a Gesù. Probabilmente quest’uomo lo avevano portato da diversi medici per guarirlo.
Tutta la folla era attirata da Gesù perché faceva i miracoli. Non avevano la consapevolezza che Gesù era il messia, bensì lo ricercavano come guaritore, perché faceva miracoli e guariva le persone.
Il Signore inizia ed annunzia la parola, parla del perdono dei peccati, del ravvedimento e del venire al Signore.
Gesù vuole intervenire nella vita del paralitico, e gli dice: “ I tuoi peccati ti sono perdonati “. Questo paralitico aveva bisogno della guarigione spirituale.
Il paralitico ha la testa più grande del corpo, è incapace di camminare e di essere autosufficiente. Sono incapaci di camminare sulla via del Signore, sono incapaci di parlare, di muoversi, ma sono buoni a criticare ogni cosa.
Egli non ha il potere di aiutare se stesso, allora si mette a criticare.
Sempre di più abbiamo bisogno di guarigioni spirituali, abbiamo bisogno di ricevere la Parola di Dio e farla diventare nostra.
Per il paralitico la guarigione fisica è un complemento.
Quando abbiamo dei buoni propositi ci sono degli impedimenti, questo significa che il Signore ha aperto la mente ed abbiamo preso dei buoni propositi.
Questi 4 uomini si sono messi al servizio di Dio :
– Hanno avuto solidarietà, collaborazione, audacia, perseveranza;
– Hanno aiutato qualcuno;
– Hanno avuto coraggio, eroismo, valore;
– Hanno fatto, fatto e fatto.
Queste 4 caratteristiche dobbiamo ricercarle sempre.
Gesù non si ferma ai sintomi, vuole risalire alla causa. Gesù perdona il paralitico di tutti i suoi peccati e poi lo guarisce.
I farisei si sono adirati contro Gesù, ma li mancava la rivelazione di Cristo, hanno visto i miracoli, ma quando hanno visto il perdono dei peccati, si sono fermati! Nonostante tutto Gesù gli chiede : vuoi essere perdonato o vuoi ricevere la guarigione? Davanti a Dio tutte e due le cose sono facili.
Il Signore va oltre a tutti gli impedimenti dei credenti, a tutti i pregiudizi del mondo, a tutto andrà oltre.

La scuola di Dio

Il Signore Gesu’ mi ha cercato e salvato; ormai gli appartengo e sono nella Sua scuola. Egli ha detto : “Imparate da me” (Matteo 11:29), ed io ne ho bisogno. Chi puo’ insegnare come Lui ?

Giorno dopo giorno, leggendo la Bibbia, scopro la mia ignoranza ed imparo a conoscermi, ma soprattutto imparo a conoscere il Signore, la Sua dolcezza, la Sua pazienza.

Egli sa mettermi alla prova. Per esempio, oggi posso essere sottoposto a un test di pazienza; poco importa il problema che mi sarà messo davanti o il mezzo di cui il Signore si servirà.

Potrà essere un contatto con una persona dal carattere difficile, o mio figlio agitato o una serie di piccole contrarietà, in famiglia e fuori. Se non sono sufficientemente preparato con la preghiera e con la semplice fiducia in Dio, non mi rendero’ neppure conto che si tratta di un test.

Vedro’ soltanto le circostanze avverse e non la mano divina e saggia che desidera farmi sperimentare le Sue liberazioni.

Dio è fedele, misura le difficoltà della prova, dà le forze per attraversarla e sa quando la lezione è stata imparata (1 Corinzi 10:13).

La nostra destinazione finale

E’ ricorrente paragonare la vita umana ad un viaggio. Ma raramente, si parla del suo scopo.

Ma come si puo’ immaginare che si viaggi per anni senza sapere dove si va ? Il credente conosce bene la sua destinazione finale. Gesu’, prima di lasciare i discepoli, ha fatto questa promessa : “Nella casa del Padre mio ci sono molte dimore; se no, vi avrei detto forse che io vado a prepararvi un luogo? Quando saro’ andato e vi avro’ preparato un luogo, tornero’ e vi accogliero’ presso di me, affinché dove sono io, siate anche voi” (Giovanni 14:2-3). Molti altri testi biblici ci parlano del paradiso o della città celeste, destinazione finale del cristiano. Ma questo testo nella sua semplicità ci dice tutto quello di cui abbiamo bisogno.

Il futuro del credente in Cristo è la casa del Padre. Lo Spirito Santo ci insegna per mezzo della Parola, e nutre la nostra speranza, in modo che ogni credente, anche se ancora sulla terra, è già un cittadino del cielo. “Quanto a noi, la nostra cittadinanza è nei cieli, da dove aspettiamo anche il Salvatore, Gesu’ Cristo, il Signore” (Filippesi 3:20). Presto il Signore ritornerà per prendere quelli che gli appartengono e introdurli nella Sua dimora.

Liberati per servire

Chi si è appropriato mediante la fede dell’opera salvifica di Cristo non è piu’ padrone di se stesso; come scrive l’apostolo Paolo: “Non appartenete a voi stessi. Poiché siete stati comprati a caro prezzo” (1 Corinzi 6:19-20). Questo caro prezzo che il Signore ha pagato a Dio con il suo sacrificio dà a Lui tutti i diritti su di noi, e conferisce a noi l’onore di essere Suoi servi.

Quelli che sono ancora schiavi di Satana, e che Dio definisce stolti (Salmo 14:1), forse ironizzeranno: “Siete passati da un padrone all’altro”, diranno. Ma la Parola di Dio ha una risposta anche a questa domanda: “Questa è la volontà di Dio: che, facendo il bene, tappate la bocca all’ignoranza degli uomini stolti”.

La libertà di cui godiamo non è la libertà come la intende chi è lontano da Dio, non è la libertà di fare la propria volontà, che spinge a fare il male. Anzi, il primo frutto di chi si è fatto servo di Dio è il bene che il credente è in grado di compiere grazie alla natura divina di cui è diventato partecipe (2 Pietro 1:4).

Solo chi è stato liberato dalla potenza del peccato puo’ mostrare le caratteristiche del servitore secondo il pensiero di Dio. E’ vero che a volte, il peccato si manifesta anche nella vita dei credenti, ma proprio perché sono credenti sono messi nelle condizioni di vivere in modo giusto, secondo il pensiero di Dio ed in ubbidienza alla Sua volontà.

« Older posts Newer posts »

© 2020 La Parola

Theme by Anders NorenUp ↑